Buona Giornata mondiale dell’orgoglio bisessuale, prodi seguaci!💖💜💙

Per celebrarla provo a scrivervi di una delle mie canzoni preferite di uno dei miei artisti preferiti, IAMX, che – per l’appunto – è bisessuale. Sottolineo provo perché, oltre a non saper disquisire di musica in generale, i pezzi di IAMX toccano corde di me molto sensibili e trovo piuttosto difficile rendere nero su bianco le sensazioni che mi suscita.

Cominciamo dalle cose facili. La canzone è Insomnia e fa parte di Metanoia, album del 2015.

Come da titolo, la canzone parla di insonnia. Pare essere stata una giornata di cacca e IAMX non riesce a dormire; la persona (di genere ignoto) che sta con lui si sveglia, vede il suo malessere e cerca di farlo stare meglio. Fine.

A questa semplicità va aggiunto che a Chris Corner (il suo vero nome, IAMX sarebbe il nome del suo progetto artistico, per la precisione) sono state diagnosticate insonnia cronica, depressione e ansia, disturbi che l’hanno portato a maltrattarsi un bel po’.

Aggiungiamo anche che IAMX non sembra avere una grande opinione di sé e di sentire di non meritare questa persona che sta cercando di alleviare il suo malessere.

E aggiungiamo pure che l’intera canzone contiene una disperata e straziante richiesta di aiuto: sempre la stessa – I’ve lost control please save me from myself – ripetuta più volte, in un crescendo sottolineato dalla musica e che, secondo me, raccoglie tutta la fragilità umana insieme all’importanza di prendersene cura, cercando di aiutare chi, in un momento particolare, arranca.

Quattro minuti e quaranta secondi di pura intensità. Ascoltatela (se già non la conoscete) e poi ditemi cosa ne pensate.

When I watch fire or the sea I can’t reconcile the idiocy in the world.
I sit here and I observe myself following rain drops running down the edge of a tulip.
I am the raindrop, I am the tulip.
I am devoted to the universe. I am consciousness totality infinity.
I look into the eyes of a person and I see eternity.
This is reality. The superficial constructs of modern life are not.

Chris Corner [Fonte]