Buon lunedì, prodi seguaci!🤧

Ho di nuovo preso il raffreddore – quest’anno continuano ad attaccarmelo! Quindi, vista anche la giornata umida e piovosa, ieri mi sono avventurata oltre le prime pagine de Lo stagno di fuoco di Daniel Nadir, che sto trovando originale e coinvolgente…

I suoi piedi si agitano a mezz’aria mentre braccia poderose gli serrano il petto in una stretta da cui non può scappare. Giuda muove i piedi nel vuoto e l’aria gli scorre, calda, sul corpo nudo. Gli occorre un attimo prima di capire. Poi Giuda allarga le mani come ad abbracciare il Sole e il mondo intero e sa – finalmente – di essere libero.

È in Cielo. Fuori. Ne è certo. Fuori dallo Stagno.

È bellissimo.

Giuda scoppia in una risata squassante. Mulina le gambe in aria e si sente di cavalcare il vento, in estasi, libero come non si era mai sentito in morte o in vita. Non più nella Bocca.

Sto volando!

San Michele Arcangelo lo tiene stretto e si innalza nella luce del mattino. Sotto di lui il dannato ride. Un moto di gioia pura e liberazione. L’Arcangelo è perplesso, pieno di rabbia. Lo ha riconosciuto appena l’ha visto, prima della picchiata. Giuda Iscariota in persona: il Traditore. Lo vorrebbe morto milioni di volte, come in realtà è già successo. Per ora si accontenta di averlo catturato.

E Giuda ride, fra le sue braccia, sopra i tetti di Damasco.

Non vuole smettere.

Il Giorno del Giudizio. Gli uomini sono chiamati davanti a Dio per essere assegnati al proprio destino eterno. I puri saliranno in Paradiso. Ai più toccherà l’Inferno. Sulla Terra, sparse e sperdute, poche centinaia di persone. Tra queste Joseph Gould e Sara Ferraris. Lui è americano, uno scrittore diventato celebre negli Anni Trenta. Lei, una giovane insegnante torinese. I pochi sopravvissuti vengono riuniti da tre angeli nella Sacra di San Michele. Per quale motivo le creature celesti non sono accanto al Signore? Ognuna di loro ha condannato all’Inferno un’anima che meritava la salvezza e insieme a Joe e a Sara andranno a cercarla, nella speranza di essere perdonati. A fare da guida in questo viaggio sarà un ospite eccellente del regno del male, Giuda, il Traditore, riuscito a riemergere in superficie e ora costretto a ridiscendere nell’abisso. In un crescendo che lega la fantasia alla realtà, una corsa contro il tempo verso il fondo dell’Inferno. Un romanzo storico-avventuroso, con echi da thriller, da un giovane autore esordiente. Un libro ambizioso, creato nel corso di quattro anni, che spazia dalla Crociata dei Bambini del 1212 alle truffe dell’Età dell’Oro americana, dalla storia di Gerusalemme ai sotterranei di Roma, verso un finale che va oltre il Mito, oltre la Storia. Arricchito da originali illustrazioni.